+-100%
struttura gerarchica
  • Complessi documentari dell'Archivio di Stato di Napoli 
serie
Complessi documentari (Anagrafe degli archivi)
livello di descrizione
Fondo
titolo e estremi cronologici
Associazione Pro Italia Irredenta1876 - 1880
altra denominazione: Associazione Trento e Trieste; Ierace
descrizione fisica
pezzi  98
metri lineari  0,80
soggetto produttore
Associazione Pro Italia Irredenta, Napoli
collocazione
stanza 167
bibliografia (campo unico)
"Guida generale degli Archivi di Stato italiani", Roma, 1986, III, p. 140; 
J. MAZZOLENI, "Le fonti documentarie e bibliografiche dal sec. X al sec. XX conservate presso l'Archivio di Stato di Napoli", Napoli, 1978, II, p. 403.
ambiti e contenuto
L'archivio dell'Associazione Pro Italia Irredenta fu affidato in custodia dall'onorevole Matteo Renato Imbriani, influente membro e segretario della stessa, al commendatore Francesco Ierace, scultore e padre di Maria Rosa Ierace. Quest'ultima il 26 gennaio 1948 depositò le carte dell'Associazione, conservate nel villino "Ierace" in via Crispi, presso l'Archivio di Stato di Napoli.
Il fondo consta di 98 fascicoli contenenti documenti e corrispondenza relativi alla costituzione dei comitati irredentisti che sorsero in tutta Italia per la liberazione di Trento e Trieste.
Si annoverano le carte relative ai comitati costituitisi in Trentino, quelle relative ai comitati di confine; al comitato istriano; ai comitati "di trasmissione" per le Alpi Giulie e le Alpi Retiche; le carte relative ai comitati di "organamento", che si costituirono a Napoli (di questi esiste solo la copertina vuota), Roma, Firenze, Livorno, Ancona, Cesena, Bologna, Genova, Torino, Milano, Venezia, Palermo, Messina; ai comitati ausiliari costituiti in diverse regioni, tra le quali, solo per citarne alcune, l'Abruzzo, la Toscana, l'Umbria, il Lazio, la Campania, con particolare riferimento alla zona del Cilento, la Puglia, la Calabria e la Sicilia. Tra i documenti vi sono: inviti, circolari, regolamenti, ordini del giorno, statuti, copialettere, disegni, schemi, manoscritti, e documentazione a stampa. Si segnalano le carte relative al Comizio tenuto il 14 luglio 1878 a Forlì. Tra la corrispondenza, infine,vi sono lettere ricevute e spedite da Matteo Renato Imbriani e una lettera autografa di Giuseppe Garibaldi. L'archivio testimonia la vita del movimento irredentista italiano di fine ottocento che si espresse attraverso l'opera dell'Associazione pro Italia irredenta.
strumento associato da catalogo
0598 Associazione Trento e Trieste
note
inventario a cura di Amelia Gentile