struttura gerarchica
  • Complessi documentari dell'Archivio di Stato di Napoli 
  • Archivi privati 
serie
Complessi documentari (Anagrafe degli archivi)
livello di descrizione
Fondo
livello di descrizione
liv.1
titolo e estremi cronologici
De La Tour En Voivresecc. XIV - XX  con documento in copia del 1262
descrizione fisica
pezzi  19
metri lineari  3,5
soggetto produttore
La Tour en Voivre, de, conti (sec. XIII-); Parigi, Napoli
collocazione
stanza 167
ambiti e contenuto
Il fondo De La Tour fu depositato presso l'Archivio di Stato di Napoli dal marchese Giuseppe Sersale il 15 gennaio 1959 e il 24 maggio 1961. La documentazione - la cui schedatura iniziata da Amelia Gentile fu poi completata da Jole Mazzoleni - č conservata in 19 buste. Consta di 258 pergamene, la maggior parte delle quali corredate da sigilli, e da carte di natura genealogica, feudale e amministrativa.
Insieme alle pergamene e alle carte conservate nella terza busta vi č accluso l'elenco supplementare dei documenti inerenti il conte di Richecourt, che furono depositati da Giuseppe Sersale nel 1960.
Si segnalano i privilegi imperiali che coprono l'arco temporale dal 1625 al 1829.
Parte della documentazione si riferisce, in maniera specifica, ad alcuni membri della famiglia De La Tour, quali Joffroy, chanoin de Treves e Baudoin (1262-1455); Franc Hyachim figlio di Francois (1751-1778); Jean de La Tour (1361-1394); Vainchelin de La Tour (1422-1446); Henry figlio di Jean (1415-1449); Ancherin e altri (1525-1856); Guillaume de La Tour (1491-1599); Gerard de La Toru (1534-1574); Anould e altri membri de La Tour (1571-1625); Jean de La Tour (1672-1749); Francesco de La Tour, ufficiale degli Ussari della Guardia, con riferimento ai titoli nobiliari, a notizie genealogiche e a notizie militari.
L'Archivio comprende inoltre documenti di famiglia costituiti da atti di nascita, morte e matrimonio; carte patrimoniali; corrispondenza; carte di successione; notizie genealogiche; titoli nobiliari.
Tra le carte di successione si segnalano quelle riguardanti l'ereditą di Emanuel de La Tour, la successione del conte Francesco de La Tour en Voivre, e quelle del conte Emanuele Dieudonnč e del conte di Richecourt.
La documentazione di natura patrimoniale si riferisce alla Contea de La Tour en Voivre, a quella di Bar nella Lorena, ai feudi di Puisieux, alla baronia di Richecourt e ad altri feudi concessi alla famiglia tra il 1336 e il 1830. A questa famiglia si riferiscono le carte di natura contabile consistenti in titoli di vendita, quietanze, rendite e inventari.
Da segnalare infine un sigillo in cera in teca di legno.
L'archivio De La Tour en Voivre, dichiarato di notevole interesse il 28 dicembre 1964, si rivela importante, oltre che per la natura feudale e patrimoniale della documentazione, anche per le possibilitą di analisi paleografica offerta dalle pergamene, la cui grafia, estremamente varia, mostra l'evoluzione della minuscola francese dal XIII secolo. Non č da trascurare, infine, il valore diplomatico dei documenti stessi.
strumenti di ricerca presenti in Sala di Studio
inv. 676.  a cura di Jole Mazzoleni