struttura gerarchica
  • Complessi documentari dell'Archivio di Stato di Napoli 
  • Sede centrale 
serie
Complessi documentari (Anagrafe degli archivi)
livello di descrizione
Fondo
titolo e estremi cronologici
Museo. Miscellanea di scritturesecc. XV - XX
descrizione fisica
pezzi  non numerati
collocazione
locale 147
ambiti e contenuto
Raccolta di documenti sciolti, di atti e frammenti provenienti da archivi
o serie di archivi oggi perduti, di carte acquistate dall'Archivio di Stato
o ad esso donate da privati, di autografi di pregio e di fotoriproduzioni
di documenti perduti, dal secolo XV al secolo XX. Fra l'altro vi č
compreso un gruppo di "carte varie aragonesi", a cui si riferiscono
strumenti di corredo segnati con il numero 103.
La raccolta comprendeva anche documenti superstiti di serie oggi perdute
dell'archivio del Consiglio Collaterale e della R. Camera della
Sommaria e carte provenienti dalla Segreteria di Stato del periodo
della Luogotenenza delle provincie meridionali (1861). Tutti questi
ultimi documenti si sono riuniti insieme con i rispettivi archivi, mentre le
carte del Tribunale Conservatore della nobiltą e della Commissione
della nobiltą, che si trovano raccolte anch'esse nel Museo, costituiscono in effetti
un fondo a sč stante.
L'attuale raccolta sostituisce l'antico "Museo storico paleografico", che, creato alla fine del secolo XIX da Bartolomeo Capasso che ne diede un'ampia illustrazione nella sua relazione a stampa al Ministro dell'Interno del 1899, andņ quasi completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale. Dell'originario Museo, l'attuale raccolta conserva l'ordinamento topografico per stanze e scaffali. Le scritture infatti riportano le antiche segnature 99 e 103.
strumento di ricerca
MUSEO
0200 Miscellanea Museo
strumenti di ricerca presenti in Sala di Studio
inv. 200.  L'inventario n. 200 a cura di A. M. Compagna, indica la collocazione che il materiale aveva in un antico armadio, nel quale era conservato; inventario n. 103.