serie
Famiglie
codice
0000000266
intestazione autorizzata
Borbone, re del Regno di Napoli, poi delle Due Sicilie, Napoli (1716 - 1894)
date di esistenza
1716 - 1894
luogo/hi
Napoli  (residenza)
storia
Il ramo dei Borbone di Napoli trae origine da Carlo, primogenito di Filippo V di Spagna e di Elisabetta Farnese, figlia di Dorotea Sofia e di Odoardo, nato da Ranuccio II, duca di Parma e fratello di Antonio, ultimo regnante di quella dinastia. Poiché a sua volta Ranuccio II era figlio di Odoardo, duca di Parma dal 1622 al 1646, che nel 1628 aveva sposato Margherita de' Medici, figlia di Cosimo II, granduca di Toscana dal 1609 al 1621, Carlo di Borbone, proprio in virtù di questa sua complessa genealogia, poteva aspirare sia alla successione dei Farnese che a quella dei Medici. Per questo figlio (l'altro, Filippo, nel 1748 avrebbe avuto il Ducato di Parma e Piacenza), nato a Madrid il 20 gennaio 1716, la madre puntava a un regno in Europa che non poteva verosimilmente essere quello di Spagna per la presenza dei due figli di primo letto del marito, Luigi e Ferdinando. La congiuntura europea si rivelò favorevole al disegno di Elisabetta e la diplomazia si adoperò in tal senso negli anni seguenti. Nel 1729 con il trattato di Siviglia, durante la guerra di successione polacca, venne garantito il diritto di Carlo alla successione su Parma e Piacenza e sulla Toscana da alcune delle maggiori potenze dell'epoca, Spagna, Francia e Inghilterra. Nonostante i contrasti con l'Austria poi superati con i trattati di Vienna del 1731, Carlo alla fine di quello stesso anno sbarcò in Toscana, prese le distanze dall'Impero e si recò a prendere possesso diretto dei Ducati di Parma e Piacenza. Gli sviluppi della guerra di successione polacca, apertasi alla morte del re Augusto II, e la conseguente spartizione dei possedimenti imperiali in Italia gli aprirono la strada al trono di Napoli. L'esercito spagnolo guidato dal duca di Montemar andò alla conquista di Napoli. Carlo entrò nella capitale il 10 maggio del 1734 e il 3 luglio dell'anno dopo - conquistata anche la Sicilia - fu incoronato nella Cattedrale di Palermo re di Napoli e di Sicilia. Napoli tornava così ad essere un regno autonomo, con un re e con una corte che vi risiedevano. I primi anni del regno di Carlo furono caratterizzati da un duro contrasto fra Stato e Chiesa, terminato poi il 10 maggio 1738con il riconoscimento del trono di Carlo da parte del papa Clemente XII, che concesse anche la dispensa al matrimonio del Borbone con Maria Amalia di Sassonia, figlia non ancora quattordicenne del re di Polonia Augusto III. Fu invece soltanto con il trattato di Versailles del 31 dicembre 1758 che Carlo riuscì, grazie all'abilità del Tanucci, ad assicurare ai suoi discendenti il trono di Napoli che la pace di Aquisgrana, che concluse la guerra di successione austriaca, aveva destinato al fratello Filippo. Alla morte di Filippo V, fu il debole Ferdinando VI a succedergli, ponendo fine così al ruolo di primo piano che aveva svolto fino ad allora Elisabetta Farnese. Morto Ferdinando VI (10 agosto 1759) senza eredi, Carlo divenne re di Spagna con il nome di Carlo III, trasmettendo il 6 ottobre 1759 il trono di Napoli al suo terzogenito Ferdinando di appena otto anni, essendo stato il primogenito maschio Filippo dichiarato incapace e il secondogenito, Carlo, destinato alla successione della corona spagnola. Ferdinando, nato a Napoli il 12 gennaio 1751, fu affidato, con la partenza del padre per la Spagna, a un Consiglio di reggenza che doveva occuparsi sia della sua formazione che del governo dello Stato, in stretto contatto con la corte di Madrid. Del Consiglio facevano parte - fra gli altri - il principe di San Nicandro e Bernardo Tanucci, spesso in contrasto fra loro. Il 12 gennaio del 1767 Ferdinando IV raggiunse l'età per assumere i pieni poteri regali. Il Consiglio di reggenza allora fu sostituito da un Consiglio di Stato e Tanucci fu primo ministro. Nel dicembre del 1767 fu concluso il fidanzamento di Ferdinando con Maria Carolina d'Austria, sesta figlia dell'imperatrice Maria Teresa, consolidando così i progetti di politica estera di Carlo III. Le nozze furono celebrate nel 1768. La coppia reale avrebbe poi avuto ben quattordici figli, fra cui, nel 1775, il sospirato erede al trono, Carlo Tito, la cui nascita diede diritto a Maria Carolina di entrare nel Consiglio di Stato, acutizzando il dissidio della regina con il marchese Tanucci, responsabile, ai suoi occhi, di eccessiva lealtà nei confronti della corona spagnola. Il ministro pertanto il 27 ottobre 1776 fu esonerato e sostituito dal marchese della Sambuca ben visto dalla regina. Si fece via via più incisiva l'influenza dell'inglese Giovanni Acton, chiamato a Napoli nel 1778 con l'incarico di riordinare l'esercito e di creare una potente flotta.
In politica estera fu attuato un avvicinamento, oltre che all'Austria, anche all'Inghilterra e i due sovrani di Napoli si impegnarono anche in un'accorta strategia matrimoniale, favorendo le nozze della secondogenita Luisa Amalia con Leopoldo Ferdinando, secondogenito di Carlo, e quelle del piccolo Francesco, nato nel 1777 e divenuto erede al trono per la prematura morte del fratello Carlo Tito, con l'arciduchessa Maria Clementina.      
Lo scoppio della Rivoluzione in Francia indusse il sovrano a porre fine alla politica fino ad allora perseguita e lo spinse a seguire un indirizzo politico più reazionario. La primogenita, Maria Teresa, fu promessa in sposa all'erede al trono imperiale. I rapporti con la Francia precipitarono definitivamente dopo la decapitazione nel 1793 di Maria Antonietta, sorella di Maria Carolina, e si inasprirono i provvedimenti contro le associazioni di matrice giacobina. Nel 1796 la vittoriosa campagna d'Italia di Bonaparte costrinse Ferdinando alla pace di Parigi con la Francia. Gli sviluppi della situazione in Europa e in Italia provocarono la guerra con la Francia e quindi la sconfitta e la fuga di Ferdinando IV in Sicilia, sotto la protezione inglese. Dopo la breve parentesi della Rivoluzione del 1799 e la restaurazione borbonica del giugno di quell'anno, grazie all'impresa del cardinale Ruffo, la corte non rientrò subito a Napoli, ma solo nel giugno del 1802, dopo la pace di Amiens, stipulata nel mese di marzo di quello stesso anno.
Le mutate condizioni politiche europee condussero ad una nuova fuga di Ferdinando a Palermo nel 1806 e all'inizio del decennio in cui regnarono prima Giuseppe Bonaparte e poi Gioacchino Murat. Maria Carolina, allontanatasi dalla Sicilia nel 1813 in seguito alla scoperta di un suo complotto ai danni del marito, morì a Vienna nel settembre del 1814 e due mesi dopo Ferdinando sposò morganaticamente Lucia Migliaccio, vedova del principe di Partanna, poi da lui denominata duchessa di Floridia. Il fallimento della campagna di Murat dopo la fuga di Napoleone dall'Elba e la convenzione di Casalanza favorirono il ritorno a Napoli il 17 giugno 1815 di Ferdinando IV, che stabilì un governo, già costituito a Palermo, presieduto dal marchese di Circello, nel quale un ruolo preminente svolsero Luigi De' Medici (Finanze e Polizia) e Donato Tommasi (Giustizia). Il nuovo governo mantenne le promesse fatte da Ferdinando prima del suo rientro conservando inalterati gli ordinamenti amministrativi del decennio. Al De' Medici si deve la cosiddetta politica dell'amalgama che mirava a fondere il personale murattiano con quello borbonico.
Nel 1816, con la Legge fondamentale del regno dell'8 dicembre, che faceva riferimento al riconoscimento dei diritti della dinastia da parte del Congresso di Vienna, la monarchia cercò di superare il tradizionale dualismo dei suoi domini, unificando i regni di Napoli e di Sicilia. Ferdinando assunse così il titolo di Ferdinando I, re del Regno delle Due Sicilie. Nel luglio del 1820 il re dovette affrontare la difficile situazione determinatasi con la sollevazione liberale, dinanzi alla quale non poté evitare di concedere la Costituzione spagnola del 1812. Chiamato in causa dalle potenze europee, prese parte al Congresso di Lubiana (gennaio-febbraio 1821), in cui non oppose alcuna resistenza alla decisione di restaurare l'ordine a Napoli con l'intervento armato austriaco. Ferdinando I morì a Napoli nella notte fra il 3 e il 4 gennaio 1825.
Gli successe Francesco I, secondo figlio maschio. Nato a Napoli il 19 agosto 1777, Francesco era stato ammesso al Consiglio di Stato a partire dal 1795, appena compiuti diciotto anni, iniziando così la sua vita di principe ereditario.
Francesco sposò il 25 giugno 1797 l'arciduchessa Maria Clementina, figlia dell'imperatore d'Austria Leopoldo II, dalla quale ebbe Maria Carolina Fernanda Luisa, poi andata in sposa il 17 giugno 1816 al duca di Berry che, erede al trono di Francia e punto di riferimento dei legittimisti francesi, fu assassinato a Parigi il 13 febbraio 1820. Dopo il rivolgimento del luglio 1830, la duchessa, nuora di Carlo X di Borbone e madre del conte di Chambord, pretendente al trono di Francia, intraprese nel 1832 una spedizione in Francia per provocare un moto legittimista contro il nuovo sovrano, Filippo d'Orleans. Nell'ambito di una strategia matrimoniale che mirava al riavvicinamento alla corte di Spagna, il principe, rimasto vedovo il 12 novembre 1801, sposò il 6 luglio 1802 Maria Isabella, infanta di Spagna e sua cugina (in quanto figlia di Carlo IV), mentre sua sorella Maria Antonietta andò in sposa a Ferdinando, erede al trono di Spagna. Da questo secondo matrimonio, Francesco ebbe altri undici figli, di cui sei maschi: Ferdinando (nato nel 1810), duca di Calabria e erede al trono, Carlo (1811), principe di Capua, Leopoldo (1813), conte di Siracusa, Antonio (1816), conte di Lecce, Luigi Carlo Maria (1824), conte dell'Aquila e Francesco di Paola (1827), conte di Trapani.
Nominato reggente da Ferdinando IV, che stava per fuggire nuovamente in Sicilia, Francesco restò nella capitale insieme con la propria famiglia e con la madre, finché questa non decise di raggiungere la corte a Palermo. Il principe, insieme con il fratello Leopoldo, si recò invece in Calabria per tentare di organizzare una resistenza ai francesi, poi risultata impossibile. Durante l'infelice soggiorno a Palermo, Francesco fu vicario del re presso il Parlamento siciliano e successivamente vicario generale a partire dal 1812. Rientrato il padre a Napoli nel 1815, Francesco, duca di Calabria, fu luogotenente in Sicilia fino allo scoppio dell'insurrezione del 6 luglio 1820. In tale difficile circostanza, Ferdinando lo nominò vicario generale e, prima di partire per Lubiana nel dicembre dello stesso anno, reggente.
Il suo regno, iniziato il 4 gennaio 1825, si caratterizzò per una sostanziale continuità con il precedente. Si adoperò subito per ridurre le onerose truppe austriache ancora stanziate nel regno, ottenendo la loro partenza nel 1827. Francesco fece sì che la figlia Maria Cristina sposasse il 9 dicembre 1829 Ferdinando VII di Spagna, rimasto vedovo per la morte di Maria Antonietta, sorella di Francesco. Rientrato a Napoli dal viaggio iniziato il 28 settembre 1829 per accompagnare la figlia Maria Cristina in Spagna, Francesco morì l'8 novembre 1830.
Ferdinando II, entrato nel Consiglio di Stato all'età di sedici anni, fu vicario del regno dal settembre 1829 al luglio 1830 durante l'assenza del padre, partito per la Spagna. Sposò a Genova il 21 novembre 1832 Maria Cristina di Savoia, figlia di Vittorio Emanuele I. Tuttavia, la regina, tenuta in concetto di santità, morì quindici giorni dopo la nascita del figlio Francesco (16 gennaio 1838). Oltre che dalla perdita della moglie, Ferdinando fu molto amareggiato anche per le nozze del fratello Carlo, principe di Capua, con l'irlandese anglicana Penelope Smith, celebrate in Scozia nonostante il suo veto. Intraprese allora per distrarsi un lungo viaggio nella primavera del 1836. Il comportamento del fratello costituiva in effetti la trasgressione della norma secondo la quale i membri della famiglia reale per contrarre matrimonio dovevano averne licenza dal sovrano. Non essendo stato preventivamente autorizzato, il matrimonio dovette aver luogo all'estero e i coniugi non poterono più rientrare a Napoli. In seguito a questo increscioso avvenimento, Ferdinando II il 12 marzo 1836 dispose che nessun membro della famiglia reale potesse in avvenire recarsi all'estero senza la sua autorizzazione. Favorì il matrimonio della sorella Maria Antonietta con Leopoldo II, granduca di Toscana, celebrato a Napoli il 7 giugno 1833. Nel maggio di quello stesso anno sfuggì ad un complotto di militari, che contavano di sostituirlo con il fratello Carlo, principe di Capua. In Austria conobbe Maria Teresa d'Asburgo, figlia dell'arciduca Carlo, e la sposò a Trento il 9 gennaio 1837. Da questo matrimonio nacquero dodici figli, fra i quali Alfonso Maria, conte di Caserta, nato il 28 marzo 1841, da cui discende, non avendo lasciato Francesi II eredi maschi, il ramo attuale della famiglia. Nel 1845, nonostante il suo deciso orientamento isolazionista, dovette permettere che si tenesse a Napoli il settimo Congresso degli scienziati, per non scontentare troppo l'opinione pubblica italiana. Scoppiata il 12 gennaio 1848 a Palermo la rivolta che avrebbe determinato lo sgombero della Sicilia da parte dell'esercito, Ferdinando II nominò il fratello Luigi, conte dell'Aquila, luogotenente nell'isola. Il 29 dello stesso mese emanò l'atto sovrano con cui concedeva la costituzione, poi promulgata il 10 febbraio. Il regime costituzionale subì una grave battuta di arresto in seguito agli avvenimenti del 15 maggio a Napoli, finché fu di fatto revocato con lo scioglimento della Camera dei Deputati il 12 marzo 1849. L'8 dicembre 1856 Ferdinando scampò, grazie al pronto intervento di un ufficiale, all'attentato messo in atto da Agesilao Milano, soldato del 3° battaglione cacciatori, che lo colpì con la baionetta durante la consueta cerimonia che in quella ricorrenza si celebrava al Campo di Marte. Ferdinando II mantenne un atteggiamento improntato a distacco e intransigenza durante le vicende del Risorgimento italiano, fino a determinare un pericoloso isolamento del regno dal contesto italiano e europeo in rapido movimento. Ammalatosi in Puglia dove si era recato nel gennaio 1859, durante un inverno particolarmente rigido, per accogliere a Bari Maria Sofia di Baviera, andata in sposa al principe ereditario, ai primi di marzo il re fu trasferito nella reggia di Caserta, dove morì il 22 maggio di quell'anno.
Francesco Maria Leopoldo, duca di Calabria, re con il nome di Francesco II, sposò Maria Sofia, figlia di Massimiliano Giuseppe duca di Baviera e cognato dell'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe. Avviate le procedure il 22 dicembre 1858, le nozze ebbero luogo a Monaco il successivo 8 gennaio per procura. La successione fece perdere a Maria Teresa, vedova di Ferdinando II, l'influenza politica e l'autorità che aveva avuto fino a quel momento. Incalzato dagli avvenimenti che fecero seguito allo sbarco di Garibaldi l'11 maggio 1860 a Marsala e alla rapida avanzata dei Mille, Francesco si determinò a ripristinare la costituzione del 1848. Avvicinandosi l'esercito di Garibaldi e vista l'impossibilità di difendere la capitale, la sera del 6 settembre il re s'imbarcò per Gaeta. Discordie dilaniavano la stessa famiglia reale e sospetti di cospirazione cadevano sui fratelli di Ferdinando Leopoldo, conte di Siracusa, per aver sposato una principessa sabauda, e Luigi, conte dell'Aquila. Il giorno seguente Garibaldi giunse a Napoli, senza incontrare ostacoli. La fortezza di Gaeta fu cinta d'assedio a partire dal 13 novembre 1860 e, dopo una tenace resistenza, durante la quale si distinse particolarmente proprio Maria Sofia, si arrese il 13 febbraio 1861, a seguito di un accordo maturato in due giorni di trattative. Francesco II si recò quindi a Roma, ospite di Pio IX nel palazzo del Quirinale. L'8 novembre 1860 si era tenuto il plebiscito per l'annessione dei territori dell'ex Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna e il 17 marzo 1861 Vittorio Emanuele II di Savoia assunse il titolo di re d'Italia. A Roma Francesco costituì un governo in esilio e diventò il punto di riferimento dei legittimisti. Alimentò il brigantaggio che impegnò duramente l'esercito del nuovo Stato italiano fino al 1865. Maria Sofia si recò più volte in Baviera, sua terra natale, dove si trasferì poi insieme con Francesco, che però volle che il ministero da lui organizzato conservasse la propria sede in Roma. Dopo l'annessione di questa città al Regno d'Italia nel 1870, la coppia reale si trasferì a Parigi, tornando in estate a Monaco di Baviera. Francesco II morì il 27 dicembre 1894 ad Arco in Trentino, nella zona settentrionale della Gardesana. Maria Sofia, rimasta sola, si trasferì prima a Monaco, poi a Parigi, e morì a Monaco nel 1925.
documentazione collegata
Borbone
fonti
M. Schipa, Il Regno di Napoli al tempo di Carlo di Borbone, Napoli 1904 e poi Milano-Roma-Napoli, 1923.R. Ajello, La vita politica napoletana sotto Carlo di Borbone, "La fondazione ed il tempo eroico" della dinastia, in Storia di Napoli, VII, Napoli 1972, pp. 459-717, 961-984.Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1970, XII.G. CONIGLIO, I Borboni di Napoli, Milano, Corbaccio, 1995.Francesco II di Borbone. Immagini, documenti, testimonianze. Napoli, Electa, 1994.