struttura gerarchica
  • Complessi documentari dell'Archivio di Stato di Napoli 
  • Archivi privati 
serie
Complessi documentari (Anagrafe degli archivi)
livello di descrizione
Fondo
livello di descrizione
liv.1
titolo e estremi cronologici
Barnaba Visconti1637 - 1838  con documenti in copia dal 1383
descrizione fisica
buste  3
metri lineari  0,2
soggetto produttore
Barnaba Visconti (secc. XIV-XIX); Milano, Cipro, Lecce, Bruxelles
collocazione
stanza 167
ambiti e contenuto
L'archivio della famiglia Barnaba Visconti fu donato da Georges Dansaert di Bruxelles e pervenne all'Archivio di Stato di Napoli attraverso l'Ambasciata italiana di Bruxelles il 6 agosto 1937. La documentazione, conservata in tre buste riunite in un unico raccoglitore e composta da cinque pergamene (1719-1782) e da 23 fascicoli cartacei (1383-1838), comprende atti di natura patrimoniale, carte di famiglia, carte di successione, carte giudiziarie e carte di natura genealogica della famiglia Visconti di Milano e della famiglia Barnaba Visconti di Bruxelles, discendente dalla prima.
La documentazione si articola nella maniera seguente:
la prima busta, composta da nove fascicoli nominativi, comprende disposizioni testamentarie, fedi di battesimo, certificati di matrimonio, lettere, documenti personali, relativi ai membri della famiglia Barnaba Visconti e cioè: 1) "Léon Barnaba" (1383-1469); 2) "Pierre Barnaba" (secc. XIV-XV); 3) "Jules Barnaba" (1475-1515); 4) "Leandre Barnaba" (1504-1552); 5) "Alphonse Barnaba" (1533-1588); 6) "Jean Dominique Barnaba" (1582-1610 circa); 7) "Jean Dominique Barnaba" (1610-1674); 8) "François Antoine Barnaba" (1638-1682) ; 9) "François Antoine Barnaba" (1679-1717). Si segnala una lettera patente munita di sigillo e inviata dal conte palatino del Reno a Giovanni Domenico Barnaba nel 1637, e le copie della patente di capitano di Fanteria rilasciata a Francesco Antonio Barnaba.
La seconda busta comprende undici fascicoli nominativi relativi ai seguenti membri della famiglia Barnaba e cioè: 1) "Charles Emanuel Barnaba (1702-1773), contenente documentazione relativa alla sua attività sacerdotale, certificati di battesimo, attestati, autorizzazioni, opuscoli a stampa, un documento in pergamena del 1743 e tre inventari di monete e di oggetti appartenenti a Charles Emanuel Barnaba; 2) "Henri Barnaba" (1704-1787), con carte nobiliari relative ai Visconti, carte di natura contabile e patrimoniale; 3) "Joseph Barnaba (1709-1782); 4) "François Barnaba" (1711-XVIII, seconda metà); 5) "Catherine Barnaba" (1758-1797), con documentazione di natura patrimoniale e carte di successione; 6) "Ferdinand Barnaba" (1750-1800); 7) "Anne Marie Barnaba" (1753-1807); 8) "Joseph Barnaba" (1755-1834); 9) "Eugène Barnaba" (1801-1867); 10) "Egide Barnaba" (-1751), contenente la copia del testamento redatto in lingua fiamminga; 11) "Elisabetta Carolina figlia di Ludovico Ferrari" (1673-sec. XVIII, prima metà).
La terza busta comprende tre fascicoli contenenti documentazione di natura essenzialmente genealogica relativa alla famiglia Visconti di Milano e ai Barnaba Visconti. Vi sono tavole genealogiche e stemmi, ma anche documentazione di natura bibliografica, appunti manoscritti, opere genealogiche, fotografie, illustrazioni, disegni e ritagli di giornale.
L'archivio della famiglia Barnaba Visconti contiene molta documentazione redatta in lingua spagnola e francese. Parte delle scritture redatte in fiammingo, costituiscono, tra l'altro, anche una fonte per la storia dei Paesi Bassi.
strumenti di ricerca presenti in Sala di Studio
inv. 572.  a cura di Aldo Spagnuolo